Design dell’etichetta: quali colori scegliere?

Design dell'etichetta: quali colori scegliere?

Sin dalla creazione del proprio marchio, alla progettazione del proprio packaging è necessario studiare a fondo la psicologia del colore che porta un cliente ad acquistare. I dati ricavati da uno studio dimostrano che i consumatori decidono cosa prendere durante la fase di acquisto in 90 secondi, e un range che va dal 62 al 90% basa la propria scelta esclusivamente sul colore. Sembra scontato dirlo, ma nel marketing ciò che più influenza emozioni e percezioni è il colore. Partendo da questa considerazione è facile intuire che ogni scelta fatta può influenzare il successo del tuo prodotto!

Questa guida vuole essere d’aiuto sia per chi vuole aggiornare il design della propria etichetta, ma anche per chi parta da zero nel processo di creazione di stampa di etichette a rotolo. Iniziamo con una domanda, qual’è il colore che più rappresenta il tuo prodotto?

Forza e calore: il rosso

Amore, passione, urgenza e pericolo. Sono tante le sensazioni di calore e forza che questo colore porta con sé. Utilizzando questo colore susciterai sempre reazioni molto forti, ma usandone troppo il consumatore potrebbe intenderlo come segno di prepotenza, bisogna usarlo con parsimonia.

Il rosso è un colore molto usato per alimenti e bevande dato che alla vista può riuscire ad aumentare la pressione sanguigna e accelerare il tasso metabolico e respiratorio. Ogni tonalità trasmette sensazioni diverse, un rosso più luminoso trasmette energia, al contrario le tonalità più scure tendenti al bordeaux possono rappresentare l’eleganza.

Viene usato comunemente per messaggi: di intrattenimento, cibo e bevande, immobili, compagnie di aerei ed elettronica.

Design dell'etichetta: quali colori scegliere?

Movimento, equilibrio e creatività: l’arancio

Meno aggressivo del rosso, ma comunque un colore caldo, l’arancione è sempre associato al dinamismo del movimento, alla creatività e all’entusiasmo, ma porta con sé anche la sensazione di equilibrio. È un ottimo modo per attirare l’attenzione in maniera più gentile e invitante.

Dagli studi si è evidenziato che l’arancione riesce ad aumentare il flusso di ossigeno al cervello, questo porta ad aumentare sia curiosità che l’interesse verso il tuo prodotto. Così come il rosso riesce a ispirare acquisti di cibo, ma in genere viene usato per indicare opzioni sane e nutrienti, a causa dell’associazione che si fa con il frutto.

Articoli sportivi e attrezzature ricreative sono gli usi più comuni dell’arancio, ma anche prodotti alimentari e bevande, i prodotti per la salute (come le vitamine) spesso lo usano a loro favore.

Design dell'etichetta: quali colori scegliere?

Ispirazione e coinvolgimento: il giallo

Felicità e ottimismo sono sentimenti trasmessi da un altro colore caldo e stimolante come il giallo.

Nella sua massima luminosità il giallo stimola fortemente quella che è l’attività mentale, contribuisce molto nella decisione di acquisto ed è la chiave di un umore felice grazie al rilascio di serotonina nel cervello. Spesso connesso al rosso, viene usato per unire fame e felicità.

Il giallo viene anche visto come segno di avvertimento e cautela, quindi eccellente per etichette e prodotti contenenti sostanze chimiche.

Viene usato più comunemente nei cibi e nelle bevande, ma anche per prodotti di pulizia, petrolio e gas.

Design dell'etichetta: quali colori scegliere?

Armonia, pace e tranquillità: il verde

Da sempre associato alla natura, il verde è il colore che i nostri occhi elaborano più facilmente, rallenta il metabolismo e suscita in ognuno di noi un senso di calma. Associato alla stagione primaverile, il verde trasmette un messaggio di armonia e crescita.

Ideale per i prodotti di lunga durata e che comunicano vitalità. I prodotti bio e sicuri per l’ambiente vengono spesso messi in commercio con sfumature di verde.

Connesso generalmente anche al colore dei soldi, nel tempo il verde è arrivato a simboleggiare uno status di lusso e ricchezza. A seconda della tonalità ci sono messaggi completamente differenti, ad esempio i verdi scuri, accoppiati con oro o argento, portano messaggi di saggezza e prosperità, solitamente usati da banche e società finanziarie.

Gli usi più comuni sono: industria alimentare, prodotti biologici, per il benessere ed ecologici.

Design dell'etichetta: quali colori scegliere?

Chiarezza e passione: il viola

Il mix tra chiarezza del blu e la passione del rosso … il viola porta con sé immaginazione e fantasia. Con la creatività che porta il colore viola viene spesso usata per settori quali: la spiritualità e il marketing rivolto direttamente a giovani e bambini.

Anch’esso è un colore caldo, trasmette regalità e lusso. Ad esempio viene usato per dare importanza a prodotti di bellezza, cura della pelle e prodotti anti-invecchiamento, esclusivamente di fascia alta.

Design dell'etichetta: quali colori scegliere?

Fiducia e coinvolgimento: il blu

Preferito alla pari tra uomini e donne, il blu emana un messaggio pacifico di fiducia. Proprio per questo viene spesso usato da banche o società che si occupano di comunicazione, per fare un esempio nell’uso quotidiano, molte app per smartphone hanno loghi blu.

Alla vista di questo colore il metabolismo rallenta, favorendo così il rilassamento. Se usato in minima parte può essere facilmente accostato a un colore caldo per incentivare un’azione, ma non è direttamente indicato per commercializzare prodotti come gli alimenti, dato che ha la qualità di rallentare il metabolismo.

Solitamente viene usato da: banche, aziende di programmazione, comunicazioni, hotel e prodotti farmaceutici.

Eleganza e informazione: il nero

Utilizzato per comunicare importanti elementi, o indurre a specifici pensieri, il nero è un colore molto forte. Usato molto spesso come colore di supporto, ha il potere di trasmettere con credibilità informazioni importanti.

Se invece viene usato come colore principale evoca quasi un senso di esclusività, raffinatezza e spesso anche di mistero. Le aziende che scelgono di puntare su questo colore utilizzano spesso elementi grafici completamente neri e bottiglie o etichette dall’aspetto e dalle proporzioni eleganti.

Usato comunemente nel settore delle notizie, delle bevande e dell’abbigliamento.

Design dell'etichetta: quali colori scegliere?

La semplicità del bianco

Pulizia e semplicità, promuovendo questi valori l’uso del bianco è frequente vederlo associato a prodotti per salute e bellezza. Il bianco inteso come assenza di colore suscita spesso sensazioni di ignoto, evocando riverenza verso il sacro e soprannaturale.

Come una tela bianca in attesa del suo artista, la mancanza di colori incentiva la creatività. Proprio l’idea delle tante possibilità che porta con sé il bianco è stata usata spesso da aziende molto grandi, come Apple e Adidas per dare l’idea di innovazione.

Con la semplice collaborazione tra bianco e 1 o 2 colori, si può creare una visione molto semplice, ma al contempo difficile da dimenticare. “Less is more” le esagerazioni di utilizzo di colore, ridimensionano la serietà del messaggio che si vuol comunicare.

Usato comunemente in vari settori, come: elettronica, salute e bellezza, medicina e comunicazioni.

 

Design dell'etichetta: quali colori scegliere?